SOMMARIO: 1. Il dubbio interpretativo. — 2. La destinazione dei frutti civili dell’immobile nell’esecuzione
individuale e nel fallimento. — 3. Sulla presunta assimilazione della domanda di
concordato preventivo alla dichiarazione di fallimento nei suoi effetti sulla destinazione dei
frutti. — 4. Il ruolo del divieto di alterazione dell’ordine delle cause legittime di prelazione. —
5. Sulla determinazione del valore di mercato del bene oggetto di prelazione. — 6. Conclusioni.

Leggi il pdf